venerdì 24 Marzo 2023

Il Consiglio di Amministrazione di Unieuro S.p.A. (Euronext STAR Milan: UNIR), il leader nella distribuzione di elettronica di consumo ed elettrodomestici in Italia, riunitosi oggi sotto la presidenza di Stefano Meloni, ha esaminato e approvato il Resoconto Intermedio di Gestione al 30 novembre 2022. Dopo la crescita straordinaria del 2020 e 2021, il mercato dell’elettronica di consumo ha iniziato, negli ultimi mesi, a registrare trend negativi.

Unieuro, in calo ricavi e margini nei primi nove mesi 2022/23

Il confronto con il precedente esercizio risulta, in particolare, penalizzato dal livello record delle vendite della categoria Brown interessata dal rinnovo dei televisori, in vista dello switch off delle frequenze, e dall’introduzione del Bonus TV da parte del Governo. Pesano sulle performance anche le difficoltà del contesto economico legate all’inflazione, all’incremento dei costi dell’energia e alla conseguente riduzione del potere di acquisto dei consumatori. Nei primi nove mesi dell’esercizio 2022/23, Unieuro ha registrato ricavi pari a 2.102,6 milioni di Euro, in riduzione del 2,4% rispetto al periodo comparabile del precedente esercizio, a fronte del citato calo della categoria Brown, solo parzialmente compensato dalla crescita delle categorie merceologiche Grey, Bianco e Servizi.

La campagna promozionale “Temptation Black Friday”, che si è protratta per un intero mese (28 ottobre – 28 novembre) come nell’ormai consolidata prassi di settore, ha proposto alla clientela un susseguirsi di panieri di prodotti scontati. Le vendite di Unieuro sono risultate, nel corso delle settimane, in progressivo miglioramento, trainate dai comparti telefonia, media tablet e home comfort.

A livello di redditività, il confronto con i primi nove mesi dell’esercizio 2021/22 è influenzato dalle minori vendite e dall’incremento dei costi derivante dall’elevato livello inflazionistico. La Cassa netta è pari a 133,1 milioni di Euro rispetto a 135,7 milioni di inizio esercizio, dopo l’erogazione dei dividendi per 27,1 milioni nel mese di giugno.

“La nostra campagna del Black Friday e, più in generale, l’andamento del trimestre sono risultati in linea con le aspettative. Dopo la chiusura del trimestre, tuttavia, la spinta promozionale del settore e gli effetti dell’elevata inflazione sul potere di acquisto delle famiglie hanno in parte condizionato la stagione natalizia.  Con una costante attenzione all’evoluzione del contesto macroeconomico, siamo impegnati nella gestione corrente a tutela della profittabilità, restando focalizzati sull’esecuzione della nostra strategia di lungo termine e sulle opportunità di crescita che dovessero presentarsi”, spiega Giancarlo Nicosanti Monterastelli, Amministratore Delegato di Unieuro.

Ricavi dei primi nove mesi 2022/23 –  Nei primi nove mesi dell’esercizio 2022/2023, il Gruppo Unieuro ha conseguito ricavi consolidati pari a 2.102,6 milioni di Euro, rispetto a 2.154,3 milioni consuntivati nel corrispondente periodo dell’esercizio precedente (-2,4%). L’evoluzione dei Ricavi like-for-like3 – ovvero la comparazione delle vendite con quelle del corrispondente periodo dello scorso esercizio sulla base di un perimetro di attività omogeneo – si è attestata a -3,2%. Nel confronto con i dati pre-pandemia consuntivati nel periodo chiuso al 30 novembre 2019, i ricavi hanno registrato un CAGR del 6,1%.

Il canale Retail (68,3% dei ricavi totali) – che al 30 novembre 2022 era composto da 279 punti vendita diretti, inclusi gli shop-in-shop Unieuro by Iper e i punti vendita diretti ubicati presso alcuni dei principali snodi di trasporto pubblico quali aeroporti, stazioni ferroviarie e metropolitane (ex canale Travel) – ha registrato ricavi pari a 1.436,2 milioni di Euro, in riduzione del 3,4% rispetto allo stesso periodo dell’esercizio precedente. Dopo un primo semestre in crescita dell’1,1% per effetto del contributo incrementale delle nuove aperture, le vendite del terzo trimestre hanno registrato un calo risentendo del confronto con ricavi straordinari realizzati nello scorso esercizio per effetto della transizione tecnologica del comparto TV.

Il canale Online (19,1% dei ricavi totali) – che comprende la rinnovata piattaforma unieuro.it e il digital pure player Monclick – ha generato ricavi per 401,3 milioni di Euro, registrando una crescita del 10% rispetto allo stesso periodo dell’esercizio precedente. La performance positiva, che beneficia del processo di innovazione delle piattaforme, conferma l’efficacia delle sinergie fra canali con i punti vendita fisici che fungono da pick-up point a beneficio dei clienti web, pur risentendo del confronto con le già citate vendite non ricorrenti della categoria Brown.

Il canale Indiretto (8,4% dei ricavi totali) – che comprende il fatturato realizzato verso la rete di negozi affiliati per un totale di 258 punti vendita al 30 novembre 2022 – ha consuntivato ricavi per 175,7 milioni di Euro, in contrazione del 22,2% rispetto ai primi nove mesi del precedente esercizio, in cui aveva beneficiato delle chiusure dei centri commerciali nei week-end a causa delle restrizioni pandemiche nei primi mesi del periodo di confronto, e delle maggiori vendite della categoria Brown nella seconda parte dello stesso periodo.

Il canale B2B (4,3% dei ricavi totali) – che si rivolge a clienti professionali, anche esteri, che operano in settori diversi da quelli di Unieuro, quali catene di hotel e banche, nonché a operatori che hanno la necessità di acquistare prodotti elettronici da distribuire ai loro clienti abituali o ai dipendenti in occasione di raccolte punti, concorsi a premio o di piani di incentivazione (cosiddetto segmento B2B2C) – ha registrato ricavi per 89,4 milioni di Euro, in aumento del 16,3% rispetto al periodo comparativo dell’esercizio precedente, grazie alla maggiore disponibilità di prodotto.

La categoria Grey (47,4% dei ricavi totali), costituita da telefonia, tablet, information technology, accessori per la telefonia, macchine fotografiche, nonché tutti i prodotti tecnologici indossabili, ha riportato un fatturato pari a 996,9 milioni di Euro, in crescita del 2,4% rispetto al periodo comparativo del precedente esercizio. La performance positiva segue il trend registrato nel primo semestre ed è stata trainata dal comparto telefonia, grazie alla ricerca di un upgrade tecnologico da parte dei consumatori, e dal comparto media tablet, compensando l’assestamento dei consumi del segmento IT, che aveva beneficiato dei trend d’acquisto legati a smart working ed e-learning nel corso del precedente esercizio.

La categoria White (27,7% dei ricavi totali), rappresentata dagli elettrodomestici di grandi dimensioni (MDA), quali lavatrici, asciugatrici, frigoriferi o congelatori e fornelli, dai piccoli elettrodomestici (SDA) come aspirapolveri, robot da cucina, macchine per il caffè, oltreché dal segmento climatizzazione, ha generato un fatturato di 582,5 milioni di Euro, in crescita del 3,3% rispetto al periodo comparativo. Le vendite nei primi nove mesi dell’esercizio sono state trainate dal successo del comparto home comfort, favorito dall’incentivo fiscale Ecobonus, e dalla ricerca da parte dei consumatori di elettrodomestici ad alta efficienza energetica.

La categoria Brown (15,3% dei ricavi), comprensiva di televisori e relativi accessori, dispositivi audio, dispositivi per smart TV, accessori auto e sistemi di memoria, ha registrato ricavi per 320,8 milioni di Euro, segnando una riduzione del 23,8% rispetto al corrispondente periodo del precedente esercizio, che aveva beneficiato di vendite straordinarie indotte dallo switch-off delle frequenze televisive e dall’introduzione del Bonus TV. Nel periodo si registra, inoltre, uno spostamento della domanda verso i prodotti entry level e un aumento delle attività promozionali sui prodotti premium.

La categoria Altri prodotti (4,3% dei ricavi totali), che include sia le vendite del settore entertainment, sia quelle di altri prodotti non compresi nel mercato dell’elettronica di consumo come gli hoverboard o le biciclette, ha generato ricavi per 90,5 milioni di Euro, in calo del 5,3% rispetto al corrispondente periodo del precedente esercizio. Il segmento entertainment, comprendente console e videogiochi, ha risentito nel primo semestre dell’esercizio della limitata disponibilità di prodotto sul mercato e ha recuperato nel terzo trimestre raggiungendo livelli di fatturato in linea con quelli del trimestre comparativo.

La categoria Servizi (5,3% dei ricavi totali) ha registrato ricavi per 112,0 milioni di Euro, in crescita dell’11,7% rispetto ai primi nove mesi del precedente esercizio, grazie all’incremento del fatturato dei servizi connessi al comparto climatizzazione, oltreché al buon andamento dei servizi relativi al credito al consumo.

 

 

LEGGI LE ALTRE NOTIZIE SULLA  HOME PAGE DI SOLDI365.COM
VISITA LE ALTRE SEZIONI DI SOLDI 365.COM:  ECONOMIA  – FINANZA – INVESTIMENTI – TRADING ONLINE – CRIPTOVALUTE – RISPARMIOBUSINESS – GIOCHI – SCOMMESSE – LUSSOGUADAGNAREBONUS E PROMOZIONIFORMAZIONETRASFERIRSI ALL’ESTERO GUIDE E TUTORIAL – EVENTIVIDEOCHAT –  FORUM

Lascia un commento

CHI SIAMO

Soldi365.com è un sito di informazione con notizie e approfondimenti su economia, finanza, trading online, criptovalute, investimenti, risparmio, mutui, prestiti, business, giochi, scommesse, lusso, opportunità di guadagno, bonus e promozioni, formazione, eventi, vivere all’estero, studiare all’estero, lavorare all’estero e aprire un’attività all’estero. Presente una sezione dedicata a guide e tutorial e un ampio spazio riservato ai lettori, che possono confrontarsi su tutti i temi trattati sul sito attraverso chat e forum.

© Copyright 2022 –  Soldi365.com – PI 01432840914 – Tutti i diritti riservati